Chi deve chiedere il permesso di soggiorno?

Chi è che può chiedere e ottenere il permesso di soggiorno? Bisogna comprendere la differenza tra visto e permesso di soggiorno. Il visto, infatti, è un documento di cui si occupa generalmente l’ambasciata italiana, mentre il permesso di soggiorno è rilasciato dalle questure competenti, che può essere l’Ufficio Immigrazione o lo stesso Ufficio Postale, in base ai motivi per cui si richiede il permesso di soggiorno o per eventuali rinnovi. Tutti i cittadini extracomunitari devono richiedere il certificato di soggiorno per rimanere in Italia per lunghi o brevi periodi.

Quando si richiedere il permesso di soggiorno?

Ci sono tanti motivi per cui si può ottenere tale documentazione, il permesso di soggiornare sul luogo italiano per più tempo. Il permesso infatti viene rilasciato solo dietro motivazioni valide, come lavoro, famiglia, studio, attività sportiva, trattamenti medici che si devono seguire.

Tuttavia, ci sono delle eccezioni ed è bene sottolinearle. Per esempio, nel Testo Unico sull’Immigrazione sono presenti delle deroghe ai requisiti generali. Il cittadino straniero che si trova in Italia senza visto può richiedere e ottenere il permesso di soggiorno, per motivi umanitari o protezione sussidiaria, richiesta di asilo o asilo politico, protezione sociale.

Dove si richiede il permesso di soggiorno?

Abbiamo due possibilità per la domanda del permesso di soggiorno: recarci in questura all’Ufficio Immigrazione o all’Ufficio Postale. Di norma, infatti, si deve presentare la domanda all’Ufficio Immigrazione: stando a quanto previsto dalla legge, è anche obbligatorio sottoporsi al rilevamento delle impronte digitali. Il documento attesterà dunque il permesso permanenza all’interno del territorio italiano. 

Successivamente, agli Uffici Postali, mediante il noto kit a banda gialla, è possibile richiedere il permesso di soggiorno per svariati motivi: lavoro, affidamento, motivi religiosi, studio, tirocinio o formazione professionale, attesa occupazione, lavoro autonomo, subordinato o sub stagionale.

Il kit giallo è gratuito, si deve compilare in autonomia (o con l’aiuto di un legale specializzato), allegando la documentazione del bollettino postale di 27,50 euro per la stampa del permesso di soggiorno, la fotocopia della documentazione richiesta (passaporto, carta di identità in corso di validità).

Quali sono i costi per il permesso di soggiorno?

Quanto costa richiedere il permesso di soggiorno? Quali sono i prezzi da affrontare? È chiaro che per alcune persone, che magari sono venute in Italia in condizioni di estrema difficoltà, il documento può sembrare un miraggio: sono tante le difficoltà da affrontare e non è sempre semplice.

I costi della certificazione di permesso in Italia possono variare: è da includere la marca da bolo da 16,00 euro, 30,00 euro per la spedizione della raccomandata all’Ufficio Postale. Inoltre, il permesso può oscillare da 80,00 a 200,00 euro in base alla durata richiesta (breve o lungo periodo).